Itinerario e prenotazioni per tour tra le Botteghe Storiche di Genova il 24 giugno 2017


home-alvigini - Botteghe Storiche Genova

Appuntamento alle ore 15.00 a Palazzo Tobia Pallavicino (via Garibaldi 4) sede della Camera di Commercio.Visita del Palazzo con particolare attenzione agli arredi della settecentesca Galleria dorata e agli affreschi di Lorenzo De Ferrari: fra questi l’affresco con “Enea alle foci del Tevere” il cui disegno preparatorio è stato scelto come immagine copertina della Mostra al Louvre “Dessiner la grandeur”. A seguire itinerario guidato alla scoperta di alcune delle 39 Botteghe Storiche di Genova dei settori abbigliamento e pasticceria.

  • Pasticceria D. Villa / Profumo
    Dal 1827 la pasticceria Villa usa sistemi tradizionali e materie prime di qualità. La famiglia Profumo tramanda da generazioni i segreti della pasticceria e confetteria classica. Arredi, credenze, banconi in legno e vetro sono in gran parte d'epoca, come pavimento e soffitto. Conserva attrezzi e macchinari antichi.
  • Pissimbono
    Fondato da Emanuele Pissimbono nel 1898 in via XXV Aprile, il negozio di abbigliamento da uomo conserva arredi e suppellettili originali: insegna, appliques, bancone, tavoli da sartoria, armadi déco, macchine da cucire, l’originale cucitrice per i polsini delle camicie e la cassa “National” di fine ‘800.
  • Finollo
    Fondato nel 1899 da Emanuele Finollo, è gestito dalla famiglia. Vi si vendono cravatte, camicie su misura e accessori per uomo. Fra i clienti, il Duca di Windsor, Guglielmo Marconi e l’Avvocato Agnelli. Vetrina con portale liberty in legno scolpito e intagliato e all’interno arredi, boiserie, tappezzerie e stucchi originali.
  • Caffè Confetteria e Pasticceria Mangini
    Aperto tra via Roma e piazza Corvetto nel 1876 come “Fossati & Gismondi”, muta in “Mangini” e, dal 1957, è proprietà dei Rossignotti. Ha interni raffinati, pavimento a scacchiera bianco e nero, bancone in legno intarsiato, stucchi, specchi, lampadari e arredi ispirati al rococò.
  • Giovanni Rivara fu Luigi
    Dal 1802 il negozio, davanti alla cattedrale di San Lorenzo, vende stoffe, coperte, mezzarie biancheria per la casa e per la persona da oltre 200 anni. Locali e arredi conservano in parte la fisionomia ottocentesca: porta d’ingresso in ferro e vetro, credenze, scaffali, banconi in legno verniciato, metri in legno e ricca documentazione storica.
  • Pescetto
    In attività dal 1899 si trasferisce nel 1922 negli attuali spazi proponendo sete, tessuti e intimo di lusso, per passare poi all’abbigliamento, con firme prestigiose. Nel 1939 il progetto di rinnovo fu affidato a Fausto Saccorotti, mentre banchi, scaffali, specchi e infissi furono realizzati da Alberto Issel in stile déco.
  • Bar Pasticceria Klainguti
    Fondata nel 1828 dai quattro fratelli Klainguti, pasticceri svizzeri, è gestita oggi dalla famiglia Ubaldi. Ingressi, vetrine e insegna sono rinnovati, ma in stile. Tra torta “zena” e “sacripantina”, boiserie avorio, verde e oro, pannelli di Attilio Mangini (1988), documenti, stampi, attrezzi e un autografo di Giuseppe Verdi.
  • Pasticceria Liquoreria Marescotti
    Fondata in Genova nel 1780, nel 1906 ha preso il nome Marescotti. Si trova nella duecentesca Loggia Gattilusio. Chiusa dal 1979 al 2008, Alessandro Cavo l’ha riaperta mantenendola così com’era: arredi stile Carlo X di pregiata ebanisteria, ottoni, marmi e vetrine in cristallo e cassa “National Cash Register”.

home-metro-brochurei - Botteghe Storiche Genova