Argenteria Gismondi


argenteria-gismondi-big


Argenteria Gismondi


I fiorenti commerci della Repubblica di Genova permettono nei secoli in vivace sviluppo di arti e mestieri. Nel 1248 nasce la Corporazione dei Fraveghi – artigiani e artisti della lavorazione dell’oro e dell’argento – per secoli sviluppatasi intorno a Nostra Signora delle Vigne. E proprio alle “Vigne”, Gio. Batta Gismondi inizia l’apprendistato nel 1763. Il mestiere diventa “di famiglia” e il figlio Pietro, a inizio Ottocento, sposta l’attività nella più centrale zona “delle Fucine”. Nel 1880 sarà Giuseppe, a traslocare definitivamente aprendo bottega nelle scuderie di palazzo Centurione, nella “barabiniana” via Galata. Da allora è rimasta quasi inalterata: esterni e interni in legno laccato nero lucido, banconi e vetrine lineari, forse in origine semplici scaffali ove riporre gli argenti; le ante vetrate aggiunte al mutare delle esigenze. Il laboratorio, dove lo zio Pippo esercitò l’attività di cesellatore fino al 1950, è ora un disimpegno che ricorda quelli dei negozi di Portobello Road. Nella bottega, sempre affollata, sotto lo sguardo attento e vigile della Vergine, si trattano eleganti argenti di fattura classica che non si lasciano influenzare dalle mode. Stampi, attrezzi e disegni appartenuti ai nonni e ai bisnonni documentano secoli di artigianato; alcuni utensili sono ancora usati per la creazione di oggetti eseguiti completamente a mano.


Genova, Via Galata 78 R

Tel: +39 010 580836

Mail: gismondi.ferdinando@libero.it

Web: www.fratelligismondi1763.it


 

argenteria-gismondi-sidebar-top


1763


Per discendenza diretta da Gio. Batta si arriva oggi, attraverso sette generazioni, alla “F.lli Gismondi”. È stato Ferdinando con la moglie Giuseppina e la figlia Giorgia a festeggiare i 250 anni di attività tra argenti “Torretta” – il punzone dei genovesi per oltre sette secoli – di cui si cura ancora oggi il restauro.


 

argenteria-gismondi-sidebar-bot